Pneumatico posteriore 140/80-17 - Africa Twin

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Pneumatico posteriore 140/80-17

Problemi Noti



Procedura per aver l’etichetta adesiva “Integrazione pneumatici” sulla carta di circolazione della moto per l’omologazione dei pneumatici alternativi.






Aggiornato in data 10 marzo 2014

Son venuto a conoscenza dell'allegata comunicazione di Honda a MCTC...Credo che ora non si debba più farsi inviare nulla osta compilando il modulo dal sito (che hanno modificato togliendo le righe x le gomme RD03 e RD04) ma basta far richiesta in MCTC con questa comunicazione.
Se hanno fatto questo comunicato la Honda e l'hanno detto alla motorizzazione, siamo già a posto così, non servono più i bollettini e modifiche varie sul libretto.....era ora
http://www.hondaitalia.com/contatti/?fs=conformita
Quando è la casa madre (in questo caso è la Honda) automaticamente, non bisogna fare nessun documento o altro presso la motorizzazione civile perchè è la casa stessa della moto a mettere questo vincolo perchè le prove e controlli li hanno già fatti loro (era ora).




Aggiornato in data novembre 2013

Lo scopo è quello di aver omologato il pneumatico posteriore nella misura 140/80-17, alternativo a quello di “serie” avente misure 130/90-17, difficilmente reperibile sul mercato…(obsoleto).
La procedura l’ho seguita nei mesi di ottobre e novembre 2013.
Questo è il risultato finale (vedi parte centrale destra della carta di circolazione, riquadrata in rosso).
Foto 1 – complesso fronte CC

Premetto che la seguente è la procedura che ho seguito presso l’MCTC di Modena.
Dovrebbe essere uguale anche nelle altre…ma non è detto.

1) Occorre collegarsi al sito Honda e scaricare il modulo seguente, necessario per ricevere il nulla osta della casa produttrice del motociclo. In caso di necessità si può telefonare al n.848846632:
Foto 2 - modulo richiesta dati veicolo Honda

2) Il modulo dev’essere debitamente compilato, sottoscritto e inviato, anche via mail all’indirizzo indicato sullo stesso (HIA_OMO@honda-eu.com), allegando copia (scannerizzata) della carta di circolazione. Oltre ai dati della moto e dei propri, bisogna barrare l’ultimo quadratino in basso dei 6 presenti (Nulla  osta pneumatici obsoleti RD03 RD4). La procedura non prevede pagamenti.

3) Honda risponde in breve tempo inviando a casa, tramite posta, un documento con cui certifica che il veicolo può circolare con il pneumatico posteriore avente le misure 140/80-17. Sul documento vengono indicate anche le misure del pneumatico anteriore, ma sono le stesse già presenti sulla carta di circolazione:
Foto 3 – nulla osta Honda

4) Ci si reca in Motorizzazione, allo sportello “Collaudi” e si richiede di aprire pratica per omologare pneumatici alternativi. L’impiegato vi spiegherà cosa dovete fare e vi  consegnerà la “cartellina” per l’inizio della pratica, insieme ai bollettini postali per il pagamento. Segnatevi bene quanti e quali documenti vi chiedono…lo scopo è di evitare inutili giri successivi…

5) Si va alla posta e si versano gli importi relativi: 25,00 + 16,00 + spese postali (1,80*2): totale 44,60 EUR.
Foto 4 – bollettini postali

6) Occorre poi cercare il pneumatico con le nuove misure scegliendolo tra i vari produttori. L’importante è che sia un pneumatico che rispetti quanto prescritto dal certificato Honda, anche nel codice relativo alla velocità (69H – omologato fino a 210 Km/h). Quindi quando lo cercate, la misura esatta completa è 140/80-17 69H. Se andate al collaudo con codici diversi sul pneumatico rischiate che non ve lo omologhino…

7) Scelta la gomma occorre farla installare da un Gommista che ha la firma depositata in un apposito elenco della MCTC…Questo è necessario perché all’atto della richiesta di appuntamento per il collaudo vi viene richiesto attestato di installazione. Ho chiesto elenco in MCTC e mi son sentito rispondere che “…è lungo! Praticamente tutti i gommisti hanno firma depositata…”. Mi son quindi dovuto mettere alla ricerca fisica del gommista trovandolo al secondo tentativo…Naturalmente il gommista vi venderà la gomma e rilascerà l’attestazione di installazione pneumatico a regola d’arte… insieme a copia del suo documento d’identità, considerato che si tratta di una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (ma non è detto che sia indispensabile, io l’avevo…)
Foto 5 – dichiarazione gommista

8) Ora con tutta la documentazione (nulla osta ORIGINALE Honda, dichiarazione gommista in ORIGINALE, bollettini postali pagati, cartellina MCTC compilata) oltre a fotocopia della carta di circolazione e di proprio documento d’identità, si torna in MCTC, allo sportello “Collaudi”, dove vi verrà assegnato un appuntamento per il controllo finale del veicolo. Consiglio di farvi copia della documentazione originale che consegnate e di portare con voi più di una copia dei documenti vostri e del veicolo ed anche del certificato di proprietà. Forse non serve, ma in caso contrario l’avete e non dovete tornare… La cartellina completa della documentazione vi viene restituita perché sarà vostra cura portarla il giorno del collaudo insieme alla moto.

9) Il giorno dell’appuntamento vi recate in MCTC e dopo la naturale fila (prevedete di perdere l’intera mattina, ma magari a voi va meglio…) il tecnico addetto controllerà la documentazione, visionerà la corretta presenza ed installazione della gomma e se tutto ok vi rilascerà “ricevuta” di collaudo eseguito con esito positivo. Nel mio caso il controllo è stato solo visivo. La moto non è stata ne accesa ne tanto meno fatta girare su rulli o altra apparecchiatura. L’impiegato vi comunicherà di tornare in MCTC dopo circa 7, 10, 15 giorni circa (senza loro avviso) per il ritiro dell’etichetta adesiva. Chiedete a che sportello dovete rivolgervi per evitare file inutili (potrebbe non essere quello dei Collaudi..)

10) Ritirata l’etichetta, sarà vostra cura attaccarla alla carta di circolazione e circolare con la moto in perfetto stato di … omologazione!


Circolare su strade pubbliche con pneumatici non indicati sulla carta di circolazione, oltre alle sanzioni amministrative pecuniarie previste (comprensiva di accessoria come il ritiro della Carta Circolazione fino ad adeguamento del veicolo con visita in MCTC…), può esser causa di rivalsa da parte dell’assicurazione nel caso si rimanga coinvolti in un sinistro stradale…


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 




                                                Ringrazio Luca Tardini per tutta la documentazione, disponibilità e cortesia.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu